Procedimento disciplinare

procedimento-disciplinare

Le modalità concrete di esercizio del potere disciplinare sono stabilite dall'articolo 7 dello Statuto dei Lavoratori. Questo prevede che nessun provvedimento disciplinare possa essere applicato senza che il datore di lavoro abbia proceduto all'instaurazione del procedimento disciplinare.

Il primo atto previsto dal procedimento disciplinare è la contestazione tempestiva dell'addebito, redatta per iscritto e contenente alcuni requisiti essenziali, al fine di garantire l'effettività del diritto di difesa del lavoratore ed il rispetto del principio del contraddittorio.

Nel procedimento disciplinare, sempre ai sensi dell’articolo 7 dello Statuto dei Lavoratori, deve essere rispettato un termine non inferiore ai 5 giorni per consentire al lavoratore di presentare eventuali giustificazioni.

Trascorso il suddetto termine a difesa, il procedimento disciplinare si conclude con l’irrogazione delle sanzioni disciplinari previste dal Codice Disciplinare che, a sua volta, deve fare riferimento alla contrattazione collettiva.

Anche il licenziamento, sanzione di maggior rilievo, è comminabile solo seguendo tutte le varie fasi previste dal procedimento disciplinare.